Daniele Michelangelo Perugini

Nasce a Pontelandolfo (Bn) il 1 marzo del 1806 Morto il  17 Gennaio del 1881

Figlio del dottor Fisico Francesco e Maria Giuseppa Gugliotti abitante alla Via Sant’ Angelo

 

  • Dottore in Legge
  • Avvocato presso i Tribunali e Corti di Napoli e di Benevento
  • Ex Professore di Giurisprudenza in Napoli ed in Pontelandolfo
  • Consigliere e Presidente del Consiglio Distrettuale di Campobasso nel 1855-1857
  • Ex delegato Demaniale nella provincia di Molise, non ché di Chieti ed Aquila
  • Socio corrispondente di varie società economiche ed industriali e scientifiche d’ Italia
  • Autore della Monografia di Pontelandolfo – Campobasso 1878

 

Coniugato con Rosa Michela Maria Mazzonna di Antonio ed Antonia Santagata di Napoli (nata nel 1809 + 2/5/1876) trascorse buona parte della sua vita e della sua professione a Napoli fino all’anno 1856 in cui tornò a Pontelandolfo.

Vittima anche lui del clima repressivo che caratterizzò tutto il territorio del Sud Italia, fu oggetto di calunnie ed accusato di brigantaggio.

Arrestato il primo giugno 1861 fu condotto il giorno 29 nel carcere di Cerreto ed il 29 agosto insieme a 200 arrestati fu condotto a Benevento dall’ex maggiore Zittirri soprannominato il fucilatore.

Trattenuto nelle carceri di Benevento tre mesi dopo venne prosciolto da ogni accusa e liberato. Per questa sgradevole esperienza andò a vivere ad Atene per insegnare latino e greco, tornato a Benevento riprese a svolgere la sua professione di legale per un decennio.

Tornato a Pontelandolfo nel 1875 ed operato alla cataratta potette riprendere il lavoro sulla Monografia del paese natio e la perdita della sua compagna di vita lo convinsero a farla stampare così come l’aveva preparata.  (Notizie tratte dalla Monografia di Daniele Perugini )

Profondo studioso e conoscitore di tutte le realtà economiche, storiche, naturalistiche ed archeologiche del territorio, la sua “Monografia” è fonte unica e fondamentale per la memoria storia di Pontelandolfo.

Ricerca Storica a cura di Antimo Albini

Please follow and like us: