Partiremo dal Rifugio Monte Calvello e, attraversando la Faggeta secolare, raggiungeremo Monte Calvello (1020 m), la punta più alta e suggestiva di Pontelandolfo.
Una volta arrivati in cima faremo una sosta per poter ammirare il bellissimo cielo stellato nella notte più suggestiva di tutto l’anno, il tutto accompagnato dalla possibilità di gustare un buon cornetto farcito al momento con Nutella o marmellata (a seconda delle preferenze).
Al termine della nostra sosta cominceremo la discesa per ritornare al Rifugio (punto di partenza).

LUOGO DI RITROVO: Rifugio Monte Calvello – Pontelandolfo (BN)
QUANDO: Lunedì 10 agosto, ore 21.00

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 5€

INFORMAZIONI GENERALI SUL PERCORSO
– Difficoltà: facile (adatto anche ai BAMBINI, SOLO SE accompagnati da un adulto)
– Durata: 30’ + 1h e 30’ circa di sosta sul Monte Calvello
– Lunghezza: 1,5 km circa
– Dislivello in salita: 365m

EQUIPAGGIO TECNICO OPPORTUNO (consigliato)
– Abbigliamento e attrezzatura tecnica idonea all’escursione (scarpe da trekking a suola rigida, zaino, borraccia, giacca antipioggia e antivento, fazzoletti di carta, bastoncini da escursione ecc.)
– Coperta e/o sacco a pelo
– Acqua secondo necessità

OBBLIGATORIA TORCIA FRONTALE DA TREKKING IN NOTTURNA E/O LANTERNA LED DA CAMPEGGIO

MISURE ANTI-COVID19
– Mascherina
– Gel disinfettante
– Sacchetto per lo smaltimento dei DPI utilizzati
La mascherina NON va indossata durante l’escursione, ma nei momenti di arrivo, accoglienza, durante le soste o quando ci si avvicina ad altri partecipanti a meno che non si faccia parte dello stesso nucleo familiare (si consiglia di tenerla a portata di mano, o sotto il mento, o vicino il braccio).

Vi invitiamo, inoltre, durante la passeggiata a mantenere la distanza di almeno 1 metro l’uno dall’altro.

L’escursione è organizzata dall’Associazione Trekking Sannio – A spasso con i briganti.

PRENOTAZIONE da effettuarsi entro DOMENICA 9 AGOSTO.

Per info e prenotazione:
Whatsapp e/o chiamate: +39 345 773 5911

Please follow and like us:

 

Cosa spinge una persona a ritirarsi dalla società per condurre un’esistenza solitaria fatta di contemplazione e silenzio? Qualcuno sostiene possa trattarsi di fobia sociale, di paura degli altri, eppure non sempre dietro questa scelta estrema si annida un disturbo psicologico o un disagio sociale. L’eremo rappresenta un rifugio, ma è anche un luogo per entrare più profondamente in contatto con sé stessi, con lo spazio e con le persone. Molto spesso, l’eremita è pervaso da una pace interiore proprio perché capace di eliminare tutti quei desideri che per la maggior parte delle persone sembrano essere delle necessità e che finiscono col divenire fonte inesauribile di stress. L’eremita riduce al minimo le esigenze riuscendo, al termine di questo processo di semplificazione dei bisogni, a trovare un proprio equilibrio interiore.
Anche Pontelandolfo ha una sua tradizione eremitica. Molto celebre l’eremo di San Rocco, adiacente all’omonima Cappella, consistente in 4 stanze, denominate celle, distribuite su due piani. Secondo Antimo Albini, studioso di storia locale, l’ultimo eremita vissuto in questi locali era un tale Giovanni Sforza, il quale conduceva qui la sua vita fatta di contemplazione e preghiera.

Read More

Please follow and like us:

Pontelandolfo un luogo incantevole da visitare, dove storia, natura e folklore si intrecciano. Vi aspettiamo invitandovi a cogliere l’iniziativa promossa dall’Amministrazione Comunale per le vacanze estive 2020. Il bonus vacanza prevede il rimborso parziale del costo di pernottamento per chi decida di soggiornare in una delle strutture ricettive di Pontelandolfo per un minimo di tre giorni, nel periodo compreso tra il 15 luglio e il 15 settembre.

Per maggiori info scrivici a info@visitpontelandolfo.it

Please follow and like us:

La Giunta Comunale di Pontelandolfo, con delibera Comunale n. 52 del 1 giugno 2020, ha stabilito il riconoscimento di un bonus a parziale rimborso del costo di pernottamento per chi decida di soggiornare per un periodo superiore a tre giorni in una delle strutture ricettive presenti sul territorio Comunale (qui la lista) nel periodo compreso tra il 15 luglio e il 15 settembre 2020 (vai al bando). L’iniziativa mira a favorire lo sviluppo di un turismo lento attraverso un’offerta che prevede la visita e il soggiorno in uno dei più affascinanti borghi dell’Appennino centro-meridionale.

Perché visitare Pontelandolfo?
Perché un’esperienza turistica a Pontelandolfo rappresenta, in primo luogo, un viaggio all’insegna della scoperta del territorio, delle relazioni umane e di se stessi.
I turisti avranno l’opportunità di passeggiare a piedi per il centro storico godendo della quiete delle sue stradine, (magari alla ricerca degli Stemmi gentilizi), seguendo liberamente un percorso, fino ad arrivare ai piedi della maestosa Torre medioevale che domina la grande piazza. Oppure potranno passare accanto all’antica Chiesa settecentesca del S.S.Salvatore per osservare l’incredibile paesaggio della valle circostante.
Pontelandolfo presenta, inoltre, una varietà di percorsi naturalistici. Tra questi, quello più noto, prevede l’escursione sul Monte Calvello, a circa 1000 metri di quota, a cui si accede attraversando la fitta radura della faggeta secolare, per poi godere, arrivati in cima, di uno spettacolo naturalistico estremamente suggestivo.
Così come altrettanto affascinanti sono i percorsi attraverso i torrenti e corsi d’acqua di cui è molto ricca la zona. Si ritiene, al riguardo, che proprio la presenza di diverse sorgenti abbia favorito i primi insediamenti abitativi sul territorio che si fanno risalire probabilmente al IV sec. A.C. se non addirittura al VI sec. A.C. come testimoniato dal rinvenimento di alcune ceramiche Sannitiche.
Pontelandolfo è stato, inoltre, teatro di una delle vicende più emblematiche e controverse dell’Italia post risorgimentale. In proposito, il paese offre un interessante percorso storico su questi “fatti del 1861”, attraverso cui il visitatore avrà la possibilità di conoscere e di approfondire eventi storici spesso non presenti nei libri di storia.
Gli appassionati di cinema potranno visitare il centro Studi Ugo Gregoretti, che raccoglie il suo immenso archivio, conservato presso l’ottocentesco palazzo Rinaldi, che si compone di scritti inediti del regista, lettere di varie personalità (da Rossellini a Rodari, passando per Napolitano e Guttuso), articoli e manifesti, libri e riviste, premi e riconoscimenti. Si tratta di una grande raccolta, che ripercorre, attraverso la figura del grande Maestro, la storia del Novecento italiano.
Il viaggio a Pontelandolfo è anche l’occasione per scoprire i suoi sapori e i suoi prodotti tipici, come l’olio, il miele o i prodotti caseari, magari degustandoli presso uno dei diversi agriturismi della zona.
Visitare Pontelandolfo significa poter godere della vista degli immensi oliveti che contraddistinguono l’intero paesaggio caratterizzato dalle delicate sfumature del verde oliva. Da sempre, infatti, l’olivicoltura rappresenta una delle principali risorse agricole del territorio.
Qui si coltiva in prevalenza la Cultivar Ortice, che rappresenta la varietà principale e dalla quale si ricava l’olio extravergine d’oliva alla base di tutte le ricette tipiche di Pontelandolfo.
Visitare Pontelandolfo è un modo per conoscere tutte le importanti tradizioni che lo caratterizzano, come ad esempio l’antica industria tessile, il gioco della Ruzzola del formaggio che ancora oggi si pratica per le vie del paese durante tutto il periodo di Carnevale e lo straordinario Gruppo Folk in cui i giovani componenti indossano il tradizionale abito pontelandolfese vincitore di importanti premi e riconoscimenti internazionali per la sua originalità e per il suo particolare valore storico.
Il paese è, in fondo, la meta ideale per chi vuole trascorrere dei giorni all’insegna del riposo e della tranquillità, ma anche del gusto e della cultura.
Ricordiamo, inoltre, che Pontelandolfo dista circa 25 km dalla città di Benevento, nota per il suo patrimonio storico-artistico, circa 21 km dall’area archeologica di epoca romana “Altilia Saepinum” e circa 20 Km da Pietrelcina, paese natale di San Pio. Queste destinazioni potranno magari essere inserite nel proprio programma di viaggio.
Visitare Pontelandolfo è un modo alternativo di trascorrere le vacanze che consente di condividere del tempo con la famiglia e con i propri cari passeggiando tra la natura, ammirando paesaggi, attraversando torrenti, respirando aria pura lontani dal traffico delle città, per ritrovare nella calma e nell’incanto dei luoghi la possibilità di riconciliarsi con se stessi e con la natura.
A ben pensarci, il racconto di certi luoghi non basta, bisogna attraversarli per sentirne i sapori, per osservare la meraviglia dei tramonti sempre diversi, per ascoltare dal vivo le storie degli anziani, per immergersi nelle suggestioni cromatiche dei tessuti tradizionali, per osservare con pienezza lo spettacolo immenso della natura, per sentire il profumo dei tigli durante certe sere di luglio seduti sulla panchina sotto la Torre ad osservare le stelle.

Per info e dettagli circa le attività puoi contattarci via mail a info@visitpontelandolfo.it o sulla pagina Facebook ed Instagram @visitpontelandolfo 

TI ASPETTIAMO!

 

Please follow and like us: